hawaiana spaghetti pizza
News - Rubriche

Pizza con spaghetti e ananas: dalla Nuova Zelanda una pizza ai confini della realtà

E’ tutto vero. La catena americana di fast food Domino’s, per i soli punti vendita in Nuova Zelanda, ha lanciato un nuova pizza che dire raccapricciante è poco: si chiama “hawaiian spaghetti pizza“. Ingredienti principali sono gli spaghetti, rigorosamente in scatola, e l’ananas.

Il prodotto limited edition (e meno male!)  è disponibile a 8 dollari e pare essere l’evoluzione della famigerata “pizza hawaiana“, base pizza cardinale (pomodoro, mozzarella, prosciutto cotto) con l’aggiunta di ananas. Ma al peggio non c’è mai fine. E così il colosso statunitense, per accentuare l’italianità del prodotto, ha deciso di inserire anche gli spaghetti nel condimento.

La hawaiian spaghetti pizza, lanciata sui social in pompa magna, invece di destare stupore, per non dire sconcerto, è stata accolta con reazioni molto positive. Su twitter o instagram si possono leggere commenti ai quali si stenta a credere: “E’ deliziosa. Dovrebbero farne una anche con carne macinata e formaggio“, oppure “sembra quasi la ricetta che mia mamma mi faceva da piccolo quando volevo la pizza con l’ananas“.

L’evocazione dei ricordi di infanzia e i suggerimenti per spingersi ancora oltre danno la misura di come non si possa mai dare nulla per scontato, soprattutto nell’ambito dei gusti culinari. Per quanto possa essere difficile da accettare, questa autentica degenerazione di un prodotto tipico italiano sarà stata il frutto di ricerche di mercato e il suo successo, ai nostri occhi imprevedibile, era stato invece preventivato da chi l’ha introdotta sul mercato. L’unica consolazione è che mai la vedremo in un locale italiano, nonostante Domino’s sia presente anche in Italia.

 

 

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *